Traona a.s. 2013/14 e 2014/15

12 sementi per orto!

Dopo i lavori per la costruzione della Land Art, attività guidata nel Progetto “Kids creative lab”a cui abbiamo aderito, continua l’utilizzo del materiale assegnato alla nostra classe: la busta delle sementi.

Nella busta avuta con il kit di partecipazione al  ci sono 12 tipi di sementi diverse… noi abbiamo deciso di far prendere 2 semi a scelta ai ragazzi di 5^ e 3^ che, a casa, proveranno a seminarli e, con le dovute cure, sperimentare il loro germogliare e crescere in un vasetto. In seguito  potranno mettere le piantine in piena terra con il loro panetto di terra (porzione di terra intorno alle radici).

Per avere le informazioni apri e leggi il pdf allegato:

Clicca QUI per leggere le indicazioni “Che cosa contiene la busta”  (aspetta un momento perchè si apra o scarichi sul tuo computer)

Qualche consiglio preso dal web e al lavoro!

La semina in vaso o in semenzaio punto per punto (dal sito InOrto)

Il semenzaio è pronto e il terriccio pure. Cosa fare adesso per non sbagliare la semina e compromettere la nascita del tanto agognato germoglio?

Procediamo così:

1. Riempiamo il contenitore con il terriccio fino a circa un cm dal bordo. Se fosse troppo polveroso possiamo prima inumidirlo un poco, soltanto un poco mi raccomando, perchè non deve assolutamente compattarsi.

2. A questo punto occorre tracciare dei piccoli solchi con un coltello o praticare dei fori con uno stuzzicadenti, dove deporremo i semi. La distanza fra un seme e l’altro varierà se la pianta neonata sarà spostata dal semenzaio in un vaso più grande o se invece si svilupperà direttamente nel contenitore di semina, in quel caso avrà bisogno di maggiore spazio e posizioneremo i semi alla distanza richiesta dalla varietà dell’ortaggio. (ravanello ogni 5 cm, carota ogni 8 cm, lattuga ogni 15 cm. ecc.)

3. Dopo avere seminato alla giusta profondità, copriremo i semi con un leggero strato terriccio, comprimendo leggermente, ribadisco solo leggermente, per fare aderire la terra al seme.

4. L’innaffiatura dovrà essere delicatissima, perché un getto d’acqua troppo forte potrebbe fare sprofondare i semi. Useremo quindi un nebulizzatore per inumidire il terreno. La terra anche nei giorni successivi dovrà essere sempre umida, ma non inzuppa.

5. Per mantenere il giusto grado di umidità e la temperatura costante è meglio coprire il vaso o il semenzaio con un telo trasparente, sorretto da dei bastoncini per evitare che tocchi il terreno.

6. Posizionamo il contenitore in un luogo sufficientemente caldo, ma senza esporlo direttamente ai raggi del sole, che farebbero cuocere i piccoli semini.

7. Controlliamo il semenzaio tutti i giorni, per accertarsi che il terreno non asciughi troppo e se al contrario l’eccessiva umidità facesse insorgere delle leggere muffe, in quel caso toglieremo il telo di plastica e faremo arieggiare.

8. Una volta spuntati i primi germogli, potremo togliere il telo e aumentare gradualmente l’esposizione al sole  a mano a mano che vedremo la piantina crescerà.

Il trapianto della piantina nell’orto (piena terra)

guarda il video come esempio:

A scuola faremo la semina dei semi di pino d’Aleppo. Prossimamente cliccando  QUI

 

Annunci

scrivi il tuo commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud