con maestra Maria Valenti (Traona a.s. 2013/14 e 2014/15)

Articoli con tag ‘laboratorio’

LE FRAZIONI e la torta

disegno torta Una frazione è come dividere un oggetto in un certo numero di parti della stessa dimensione. Ad esempio, se si taglia una torta in venti fette uguali, ciascuna di esse è detta un ventesimo di torta (120) ed è proprio la parte di torta che ogni alunno di classe terza ha mangiato nell’ora di matematica in cui abbiamo iniziato a parlare di FRAZIONI.

Per dividere la torta in modo il più equo possibile, abbiamo prima diviso la torta in due parti: due metà (2/2), poi in quattro parti uguali (4/4), poi abbiamo riflettuto in quante parti avremmo dovuto dividere ogni quarto… la risposta è stata in 5 parti, quindi ogni quarto diviso 5

infatti 5×4= 20!

Perfetto, proprio come il numero di alunni della classe. Ma dividere un quarto in 5 fette uguali non è facile, per fortuna abbiamo il goniometro che ci aiuta: un quarto di torta corrisponde alla misura da 0 a 90 del goniometro,  90 : 5 = 18. Ogni 18 trattini facciamo un segno che ci servirà per misurare le fette! (non abbiamo ancora studiato gli angoli, ma i numeri li sappiamo leggere, sappiamo fare le divisioni e le altre operazioni).

Ecco nel breve video il lavoro del taglio della torta, del frazionamento dell’intero in 20 parti che darà il via alla scoperta intuitiva delle frazioni:

… ma non ci fermiamo qui, faremo altri esercizi, altre esperienze, e di torte ce ne saranno altre, e le fette potranno cambiare di forma, ma non di quantità:

Euro, frazioni e decimali

La torta della nonna (frazionare)

 

Il regalo della Befana

Oggi, giovedì  VIII-I-MMXV, la Befana ci ha regalato un bel laboratorio interattivo/manuale con la LIM, per costruire una ranocchia salterina che ci farà “giocare a misurare”.

Per il nostro compagno assente c’è il blog, quindi ecco subito il video con le bravissime sorelle esperte che insegneranno a costruire la ranocchia anche a casa.

Alcuni momenti dell’attività in classe:

Questa presentazione richiede JavaScript.

E sempre con le Befane, qualche giochino di numeri (cliccare sull’immagine per ingrandire… )

Il pupazzo di neve

pupazzo di neve di FabrizioSiete in vacanza, è nevicato un po’… ricordate il pupazzo di neve dello scorso anno?

Per ricordare: qui il lavoro con i vostri disegni, a destra  la foto del pupazzo di Fabrizio.

Ora vi voglio pubblicare un cartone animato dal titolo The Snowman”, c’è anche un Babbo Natale, sì lo so che è già passato, ma è molto simpatico. Il cartone ha pochissime battute in inglese, poi solo bella musica e dolci immagini: guardatelo, dura meno di mezz’ora, l’ho scoperto da due maestre bravissime 🙂

Vi è venuta voglia di disegnare un altro pupazzo? o magari di costruirlo con qualche materiale (cartone, pasta matta, pongo…) o chissà tutto di neve!

Ciao a tutti

e

buon 2015

Costruire la renna Rudolph

Laboratorio manuale per preparare il regalino di Natale: costruzione della renna Rudolph, la renna dal naso rosso,  di cui abbiamo imparato il canto in inglese Rudolph the Red-Nosed Reindeer” per lo scambio di auguri natalizi.

 

La canzone Rudolph the Red-Nosed Reindeer” cantata da voi per lo scambio di Auguri di venerdì 19-12-2014 sarà pubblicata sul sito dell’Istituto (clicca QUI)

 

Le penne… per scrivere

Studiando scienze abbiamo scoperto che le penne sono, con le piume,  elementi che ricoprono il corpo degli uccelli, ma con lo stesso nome si indicano anche gli strumenti che utilizziamo per scrivere, come mai?

E come mai una parte della penna dell’uccello si chiama calamo? Lo andiamo a scoprire…P1100820

 

Le maestre hanno usato la penna col pennino e quella stilografica, quando andavano a scuola, non la penna di uccello però!

Con penne, inchiostro e calamaio proviamo a scrivere anche noi:

 

E la nostra penna come funziona? Come mai si chiama penna biro?

(clicca sulle immagini per ingrandirle)

P1100818 P1100821

le parti della penna biro

P1100819 li forellino per l'aria

A cosa serve il forellino che c’è sulla cannuccia non è facile da capire.

Facciamo un esperimento con una siringa e dell’acqua colorata: la maestra ci fa vedere e poi proviamo noi!

La verifica finale verifica tecnologia- scrivere con la penna

P1100835    P1100836

 

Costruire quadrati

P1100465

Potete seguire il nostro laboratorio guardando le immagini (cliccare su una foto per ingrandirla e fare scorrere poi tutta la galleria):

P1100466

OSSERVANDO BENE SI SCOPRONO ANCHE LE MAGIE: PER ESEMPIO IL TERZO QUADRATO:

“grande  o picccolo” !!! ???

CIAO!!!

Il rettangolo con un foglio di carta

Dalla “Geometria con la carta”  alla “Geometria in gioco”

Partiamo da un foglio di carta A4: lo osserviamo e lo pieghiamo in diversi modi seguendo le istruzioni e ne ricaviamo delle forme che impariamo a riconoscere e denominare correttamente.

Iniziamo con IL RETTANGOLO

1) il foglio intero che forma ha?

rettangolo1

2) pieghiamo il foglio bordo a bordo sovrappponendo margine superiore e inferiore del foglio, che forma otteniamo?

rettangolo2

3) pieghiamo il foglio bordo a bordo sovrapponendo margine sinistro e margine destro, la forma ottenuta è?

rettangolo3

4) ora pieghiamo in successione le seguenti pieghe e otterremo sempre un rettangolo, più piccolo…

5e 6) sempre partendo dal foglio e piegando seguendo i modelli otterremo nuovamente rettangoli

P1090648

P1090650

Tutte queste forme ottenute le incolliamo sul quaderno e coloriamo la loro superficie, mettendole così in evidenza.

Ora utilizzando il testo “Geometria in gioco” preparo un mazzo di carte, con il materiale allegato al testo, già pronto da ritagliare, un po’ di spiegazioni vedendo le regole riportate:

P1090651

e adesso:

SI GIOCA

anche all’intervallo, nel dopomensa… rafforzando i concetti appresi!

Cloud dei tag